Fauna costiera perseguitata a Savona

Un appello dell’Enpa di Savona: fauna costiera perseguitate da migliaia di turisti, soprattutto italiani, armati di canne, fucili subacquei, coltelli, arpioni, salai e fiocine

•  500.000 CERNIE, DENTICI, CORVINE, ORATE, GRONGHI, LECCE, MURENE, SARAGHI, SPIGOLE, POLPI, ASTICI ed ARAGOSTE, trafitti dai pescatori subacquei, molto spesso in mezzo ai bagnanti;

• 2.000.000 di CEFALI, DONZELLE, ROMBI, SALPE, SEPPIE, MORMORE, OCCHIATE, LABRIDI e TRIGLIE, presi all’amo dai “cannisti”, anch’essi spesso appostati sui moli e sulle spiagge, gremiti di bagnanti;

• 9.500.000 MITILI, DATTERI, MURICI, GAMBERI, TRACINE, CALAMARI, PATELLE, PETTINI, GRANCHI, RICCI, LUMACHE, ARSELLE e STELLE MARINE, fiocinati e catturati tra gli scogli da un esercito di “raccoglitori” (adulti e bambini).

• Un totale di almeno 12 milioni di animali marini, che vivono lungo gli 80 chilometri di costa della provincia di Savona, saranno sterminati durante questa stagione estiva da migliaia di turisti, soprattutto italiani, armati di canne, fucili subacquei, coltelli, arpioni, salai e fiocine. E la strage si aggiunge ad un’attività di pesca professionale parti-colarmente pesante e con scarse limitazioni, condotta con mezzi supertecnologici micidiali che moltiplicano l’efficacia delle reti da pesca, aggravata dalle numerose quote attribuite alla cosiddetta pesca sportiva.

La statistica è della Protezione Animali savonese, che invita i frequentatori delle spiagge all’armonia con la natura e con i suoi animali, tutti utilissimi, indipendentemente dalle dimensioni e dalla “simpatia”; la piccola fauna costiera – che purtroppo non miagola o scodinzola – ha grande importanza, essendo il primo anello delle catena biologica che comincia proprio lungo la costa, che costituisce la “nursery” del mondo marino; ha inoltre una grande importanza nel ciclo dell’azoto e nella conseguente autodepurazione del mare dagli inquinanti portati dai fiumi, nonché essenziale per trattenere i gabbiani sulle spiagge ed evitare che colonizzino le aree urbane alla ricerca di cibo.

Per favorire un rapporto meno traumatico e distruttivo con questi animali, i Volontari dell’Enpa savonese distribuiscono lungo le spiagge della provincia (che ha il maggior flusso turistico in Italia) una locandina in quattro lingue, particolarmente apprezzata dai sensibili visitatori stranieri.

Se la fauna marina costiera non venisse perseguitata e massacrata, comincerebbe a lasciarsi avvicinare, divenendo un autentico ed affascinante spettacolo, come già accade in molti paesi “esotici”, dove è vietato ogni tipo di prelievo ed i turisti pagano valuta pregiata per poter osservare pacificamente la vita subacquea (su barche con fondo di vetro, su mezzi semisommergibili o armati solo di maschera e boccaglio).

http://www.enpa.sv.it/FAUNA1.htm

 

I commenti sono chiusi.