Antispecismo e antirazzismo

Domenica 9 ottobre, CSA Baraonda – via Pacinotti 13, Segrate (MI)

dibattito su “Antispecismo e antirazzismo” dalle ore 16.30

Il coordinamento della campagna Fermiamo Harlan e il gruppo Munus Umanus invitano amiche e amici animalisti, antispecisti, antirazzisti e avversatori di discriminazioni e ingiustizie tutti, all’incontro “Antispecismo e Antirazzismo”, che si terrà domenica 9 ottobre al CSA Baraonda di Segrate (in Via Pacinotti 13, 3 minuti da Milano) e sarà aperto dagli interventi di Luca Carli (Rete Vegani Antispecisti Informali, Veganzetta) e Adriano Fragano (Campagne per gli animali, Veganzetta).

Inizio rigoroso ore 16.30.
Aperitivo vegana a seguire.

Previsti l’utilizzo di slide e la proiezione di filmati.

Nota BENE: Preghiamo gentilmente di astenersi da provocazioni, atteggiamenti intolleranti e coloriti

Vi aspettiamo numerose/i. Il tema è importante e di comune interesse.

Queste le tracce che ci orienteranno nella discussione:

Ci si può battere contro la discriminazione contro le altre specie animali e
sostenere o tollerare quelle intraspecifiche?

Secondo quali principi e ragioni l’antispecismo considera dominio,
discriminazione e sfruttamento specista effetto delle stesse logiche che
fondano dominio, discriminazione e sfruttamento all’interno della nostra
specie?

Se l’antispecismo è strettamente commesso anche all’antirazzismo, come può vedere nascere al suo interno tendenze ideologiche dichiaratamente od occultamente razziste?

Come legittimano coloro che teorizzano, praticano o coltivano il razzismo
intraspecifico, il loro definirsi antispecisti?

Definirsi semplicemente “animalisti” dispensa dalla necessità di praticare l’antirazzismo e la lotta verso le altre forme di dominio, assoggettamento e sfruttamento?

Come si è costruita la convinzione, ormai diffusa nel ‘movimento animalista”, che battersi per la protezione o la liberazione degli animali non umani, sia un affare “apolitico” che non va inquinato” con le lotte sopra indicare in quanto “politiche”?

Esiste una strategia di infiltrazione del movimento animalista da parte di
forze che cercano, strumentalmente, una legittimazione politica attraverso un tentativo di reciclarsi?
Qual è lo stato delle cose circa gli strumenti critici, metodologici e
teorici, di cui il “movimento animalista” può dirsi attrezzato?

Coordinamento Fermiamo Harlan
Munus Umanus

Per maggiori info:

http://fermiamoharlan.blogspot.com/
http://www.facebook.com/group.php?gid=114519445247020
http://www.facebook.com/groups/inumanitas/

 

Annunci

I commenti sono chiusi.