Archivi del giorno: 3 ottobre 2011

Balù

Balù, anzianissiimo e malato, non può assolutamente rimanere in canile

Un cagnolino come Balù non può restare in canile. ASSOLUTAMENTE.
Per ora sta vivendo qualche giorno nell’ambulatorio riscaldato del canile ma tra poco dovrà tornare nel box, dove di notte la temperatura scende sotto lo zero.

Se non sarà adottato, non crediamo che Balù riesca a passare l’inverno. E’ anzianissimo, circa 17 anni, ha l’artrosi e riesce a camminare solo grazie al Rimadyl. E’ mezzo cieco e ha problemi di cuore. Il pelo di questo volpino nero, che un giorno deve essere stato una bellezza, è lungo, in disordine, infeltrito, segno che chi lo ha abbandonato in strada si prendeva ben poca cura di lui.

Chi si vuole fare avanti per compiere un gesto di AMORE DAVVERO IMMENSO E PURO e adottarlo? Guardate il suo musino, non ci vogliono altre parole. Grazie a tutti, è davvero urgente.

Per info e adozioni, in canile fuori Milano
Giorgia, tel 348 92 64 039 – rozz702000@yahoo.it

Annunci

Universo vegano

In Italia 242 mila persone rinunciano non solo alla carne, ma anche a latte, uova, seta, lana, pelle e cuoio, creando nuove economie. Anticipazione dell’inchiesta di ottobre di Terre.

Sono convinti che anche gli animali abbiano diritto alla vita e a non essere sfruttati. Per questo rinunciano non solo alla carne ma pure al latte, alle uova ed evitano di indossare lana, seta, pelle e cuoio. In Italia i vegani sono 242mila e hanno creato una nuova economia: dalle fattorie che non usano letame ma solo concimi vegetali, agli artigiani che realizzano camicie in canapa o fibra di bambù.

È quanto emerge dall’inchiesta del numero di ottobre di Terre di mezzo – street magazine dal titolo “Universo vegano”. Un universo in espansione, visto che sono nati i primi Gruppi di acquisto solidali (Gas) vegani e si moltiplicano i festival: Veganch’io nel milanese, la Sagra del seitan a Firenze, il VegFestival a Torino, il Vegan Fest a Camaiore (Lucca).

A Verona, Torino, Mantova e Cento (Fe), inoltre, sono stati aperti in questi anni ambulatori pediatrici che seguono i bambini vegani. La scelta dei genitori non sembra penalizzare la salute dei figli: uno studio condotto dall’università di Verona su un gruppo di 97 bambini vegetariani tra uno e due anni di età, di cui 11 anche vegani, ha riscontrato livelli di crescita nella norma. Solo un bambino vegano di 7 mesi, allattato al seno, ha subito un iniziale deficit di accrescimento e di maturazione psicomotoria, causato da un’insufficiente apporto di vitamina B12 della dieta della madre.

Autore dell’inchiesta Lorenzo Guadagnucci, giornalista del Quotidiano nazionale e autori di libri sul G8 di Genova, sul razzismo e sul commercio equo e solidale. Da vent’anni è vegetariano e da qualche mese vegano: ” Perché occuparsi dei diritti animali, quando i diritti umani sono continuamente violati? -scrive su Terre di mezzo- In realtà non vi è alcuna incompatibilità fra diritti animali e diritti umani, semmai si tratta di rendere davvero universale l’applicazione del diritto alla vita”.

TESTO:
Dario Paladini

Fonte:
http://magazine.terre.it/notizie/rubrica/0/articolo/2236/