Archivi del giorno: 25 gennaio 2012

Ucraina, la strage di cani non si ferma

Gli animali verrebbero soppressi per non infastidire i turisti nel Paese per gli Europei di calcio

Uccisi perché «danno fastidio ai turisti». Colpiti da spari o avvelenati, «bruciati in forni crematori mobili, come quello che girava nelle vie della città di Gorlovka». Narcotizzati e gettati in fosse comuni poi ricoperte col cemento. E’ il triste destino dei cani randagi in Ucraina: un fenomeno che negli ultimi tempi sta crescendo, probabilmente in vista degli Europei di calcio. La denuncia choc è di Andrea Cisternino, fotografo italiano residente in Ucraina, delegato dell’Oipa, l’organizzazione internazionale per la protezione animali.

«Il 13 novembre 2011 la Uefa e il ministro dell’Ambiente ucraino hanno detto che le uccisioni di randagi erano cessate, ma continuiamo a vedere e a filmare cani morti nelle strade e a soccorrere quelli sopravvissuti», dice all’Ansa Cisternino. Il risultato è che «nel centro della capitale Kiev, città in cui dati ufficiali parlano di 12 mila randagi, non se ne vedono più, mentre prima c’erano interi gruppi. Stessa cosa a Leopoli», un’altra delle città dove si giocheranno le partite. 

Eppure «un’alternativa al massacro esiste: aiutare i volontari», sostiene Cisternino. «Le autorità ucraine devono sedersi a un tavolo con gli animalisti. I sindaci devono ascoltarli e dare loro una mano. I volontari hanno le strutture dove ospitare i cani, possono risolvere il problema».

Per il delegato dell’Oipa anche gli italiani possono contribuire alla causa: «I tifosi italiani, come quelli tedeschi, espongano alle finestre striscioni con scritto «stop al massacro in Ucraina», un  modo per dare visibilità al problema e convincere le autorità ucraine a dialogare con gli animalisti».

Fonte:
http://www3.lastampa.it/lazampa/articolo/lstp/439711/

Last

LAST STA ANCORA SPERANDO..ha 9 anni e 6 di canile!!! Torino

Il mio nome, purtroppo coincide con uno stato di fatto. Nessuno mi sceglie, nessuno si ferma davanti al mio box…….a nessuno interesso per avermi come compagno per la vita. Sono LAST, sono l’ULTIMO……………
 
Sono entrato in canile nel 2004 ed avevo due anni…..adesso ne ho 9, e spero di poter conoscere il calore e l’affetto di una famiglia. Le mie zampe posteriori sono diventate più fragili e se corro troppo, inizio a zoppicare, avrei disperatamente bisogno di caldo, di una casa che mi accolga e di cure adeguate, per tornare in forma.
 
L’inverno al canile è troppo freddo………la temperatura scende a meno zero
 
Sono di taglia medio/grande (sui 30/35 kg, ma un pò cicciottello, incrocio pastore tedesco) e vado d’accordissimo con i cani femmina ma assolutamente no con i cani maschi e i gatti. Sono dolcissimo e cerco coccole dalle persone e adoro giocare con la palla che riporto e lo rifarei all’infinito……………ma purtroppo dopo 20 minuti, devo ritornare in gabbia…………
 
SONO ANCORA UN CANE  MOLTO VITALE,VI PREGO NON LASCIATE CHE GLI ANNI SPENGANO  LA MIA ALLEGRIA  E LA FIDUCIA  IN UN DOMANI MIGLIORE!!!
 
VENITE A CONOSCERMI, IO SONO SEMPRE LI’ E VI ASPETTO CON ANSIA,SPERANDO CHE FINALMENTE LA PORTA DEL MIO BOX , SI APRA ANCHE PER ME………..FINALMENTE PER SEMPRE………….NON LASCIATEMI MORIRE QUI DENTRO. HO FREDDO, SONO SOLO DA TROPPO TEMPO…………
 
LAST
 
Per info telefonare a
Margherita 338/2267382  margheritalogiudice@gmail.com  e Raffaella 348/5105290 o 347/1195633 raffaellasinisi@tiscali.it o LIA 3485922515 lia.ditodaro@libero.it

Si trova alla Lega del Cane di Torino – Via Germagnano 9 – Torino
Orari: dal Martedì alla Domenica dalle h. 15.00  alle 18.30
Si affida soltanto in Piemonte, Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna previo controllo pre e post affido