Archivi del mese: marzo 2012

Vigilia di Pasqua vegan al Voice cafè

il Voice cafè organizza per il 7aprile una cena vegan perchè una Pasqua cruelty free si può!

Si tratta di una cena vegan a menù fisso nell’ambiente informale ma accogliente del Voice cafè.

Il Voice cafè è un bar all’apparenza normale, in cui puoi consumare un cappuccino, una birra, un panino…ma senza fare del male agli animali poichè tutto è vegan al suo interno!

Per quanto riguarda la cena, invece, è stata organizzata sia per gli ‘onnivori’ per dimostrar loro che saziarsi con gusto è possibile anche senza uccidere o sfruttare, sia per i già vegetariani o vegani che possono finalmente avere la possibilità di mangiare dall’aperitivo al dolce senza dover preoccuparsi di ogni minimo ingrediente nascosto nel piatto! e ovviamente per festeggiare tuti insieme la Pasqua sperando che diventi davvero una festa di rinascita e non di morte!

Il menù è ancora in via di definizione; utilizzeremo per la massima parte ortaggi di stagione e biologici; consterà comunque a grandi linee di :

antipasto sfizioso

lasagne ricche

secondo con contorno di verdure

dolce

calice di vino o birra o acqua

il tutto allietato dalla musica di dj Zaurito

costo della serata: 15 euro a testa

Solo su prenotazione entro il 4 aprile
al 3288351282
oppure 3355874107
oppure direttamente presso il Voicecafè!

Pagina Facebook.
http://www.facebook.com/events/328947003821799/

Corso di produzione e consumo di germogli

DOMENICA 1 APRILE ALLE 14.00 CORSO DI PRODUZIONE E CONSUMO DI GERMOGLI, IL SUPERALIMENTO CHE POSSIAMO FARCI DA SOLI!.

Con Grazia Cacciola (erbaviola.com), autrice di “L’orto dei germogli. Manuale di coltivazione e consumo” Edizioni FAG.

Corso gratuito con posti a prenotazione, limitati. Ci si può prenotare mandando una email a info@ortiurbani.com. Il corso durerà circa un’ora e mezza.  Durante vedremo le caratteristiche dei germogli, come coltivare i diversi tipi, li annuseremo, toccheremo e costruiremo un paio di germogliatori domestici con materiale riciclato!

Il corso si terrà nello spazio di Orti Urbani, nella piazza degli orti, all’interno della manifestazione Fà la cosa giusta, FieraMilanoCity, Milano.
http://falacosagiusta.terre.it/

Grazia Cacciola (erbaviola.com) è specializzata in tecniche agronomiche ecosostenibili. E’ autrice di saggi sull’alimentazione consapevole, gli stili di vita etici e pratica l’alimentazione vegan. Si occupa da anni di diffondere l’agricoltura naturale e l’agricivismo. Ha strutturato e supervisionato progetti dell’Unione Europea per l’incentivazione delle coltivazioni con metodo biologico e biodinamico.  E’ consulente botanico per l’agricoltura naturale e l’autoproduzione nella trasmissione Geo&Geo, Rai3. Collabora attivamente con il Movimento Decrescita Felice.

——

Grazia Cacciola
http://www.erbaviola.com/

Il 3 giugno in Piemonte si vota il referendum sulla caccia

Il prossimo 3 giugno, gli elettori piemontesi potranno esprimere il loro parere sulla caccia.

La Giunta Regionale ha infatti approvato ieri un Decreto del suo Presidente, il quale, in ottemperanza a quanto imposto dal TAR del Piemonte, dà l’avvio alle procedure di indizione del referendum.

Finalmente si conclude una battaglia legale durata un quarto di secolo: sono infatti trascorsi 25 anni da quando vennero raccolte 60.000 firme di elettori piemontesi in calce alla richiesta di un referendum abrogativo di parte della legislazione regionale sulla caccia. Il quesito prevede la riduzione delle specie cacciabili a quattro (cinghiale, lepre, minilepre e fagiano), il divieto di caccia la domenica e su terreno coperta da neve e la limitazione dei privilegi concessi alle aziende faunistico-venatorie, le ex riserve private di caccia.

La Regione, in tutti questi anni, non ha mai consentito lo svolgimento del referendum, con motivazioni spesso pretestuose ed illegittime, ma non ha più potuto opporsi alla sentenza della Corte di Appello di Torino di fine 2010, confermata più recentemente dal TAR Piemonte.

La scelta della data suscita però non poche perplessità: il Comitato Promotore aveva infatti chiesto che il referendum venisse accorpato alle prossime elezioni amministrative, che si svolgeranno in numerosi Comuni del Piemonte il prossimo 6 maggio: in tal modo sarebbe stato possibile risparmiare una parte consistente delle risorse pubbliche destinate all’effettuazione del referendum. La Giunta Regionale, invece, ha ritenuto di agire diversamente, adducendo problemi di carattere tecnico che in realtà si sarebbero potuti risolvere facilmente.

Il Comitato Promotore auspica che La Regione provveda ora a diffondere in modo capillare ed efficace l’informazione relativa al referendum. L’obiettivo  del fronte venatorio e di numerose forze politiche  è infatti quello di rendere nulli gli effetti del referendum a seguito del mancato raggiungimento del quorum dei votanti. “Tale ipotesi rappresenterebbe però una sconfitta non tanto e non solo del fronte ambientalista ed animalista – affermano Piero Belletti e Roberto Piana del Comitato Promotore del Referendum –  quanto soprattutto della democrazia e della partecipazione”.

“Auspichiamo almeno – concludono gli ambientalisti –  che, in attesa dell’esito del referendum, la Regione blocchi i lavori volti a modificare l’attuale legge sulla caccia. Modifiche che vanno in senso esattamente opposto alle richieste referendarie, prevedendo l’aumento del numero di specie cacciabili, il prolungamento della stagione venatoria, la caccia con l’arco e quella a specie di uccelli protette a livello comunitario.”

Per il Comitato Promotore del Referendum sulla Caccia
(Piero Belletti e Roberto Piana)

Scarica il comunicato stampa in formato PDF

Scarica il Decreto del Presidente della Regione Piemonte in formato PDF

—–

http://www.referendumcaccia.it/

Il Miglior Discorso Che Potrai Mai Sentire

L’illuminante intero discorso di Gary Yourofsky sui diritti animali e sul veganismo tenuto ad Atlanta presso il Georgia Institute of Technology nell’estate del 2010.

 Ascoltate con mente aperta questo divulgatore straordinario che farà saltare via tanti miti, fornendo alla vostra mente dati e fatti interessanti, che possono aiutarvi a fare scelte etiche per l’anima ed un cuore sano. Il suo stile carismatico e diretto è unico nel suo genere – un must per chiunque abbia a cuore gli animali non umani e desideri rendere il mondo un posto migliore.

Sono qua per parlare della peggiore forma di crudeltà e violenza che ha luogo su questo pianeta…anche se alla maggior parte delle persone sembra non importare. Ma quando vi sedete nel vostro confortevole salotto, e iniziate a condannare le atrocità che avvengono altrove, state solamente parlando a vuoto! E’ la definizione di “parlare a vuoto”. Ma il veganesimo è la possibilità di intraprendere… realmente il dialogo sulla compassione di cui tutti stanno parlando. Questa è la dimostrazione di dimostrare agli altri quanto siete pacifisti. Questa è l’occasione per una rivoluzione personale, per lanciare la vostra impronta su questo pianeta, causando la minor quantità di sofferenza possibile!Sempre, essendo vegano.”
Gary

La nuova era dell’Alimentazione

L’antica drogheria Caberlotto in collaborazione con il Centro Studi Bhaktivedanta (CSB) e la Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana (SSNV), invitano al convegno:

La nuova era dell’Alimentazione

Etica, salute integrata e sviluppo sostenibile attraverso scelte alimentari consapevoli

sabato 14 aprile dalle 16 alle 19

Centro Culturale Candiani – P.zzale Candiani 7 – Mestre

Ingresso libero, è gradita la prenotazione

Presentazione

Esiste una dieta ideale per l’uomo? Quali sono gli alimenti che favoriscono una buona salute fisica? Il cibo influenza anche il nostro comportamento? Le nostre scelte alimentari che impatto hanno sull’ambiente in cui viviamo?

Il convegno “La nuova era dell’Alimentazione” si pone come obiettivo quello di dare risposte chiare ed esaustive a questi importanti interrogativi. Riteniamo che in questa società che mostra sempre più i sintomi di un malessere diffuso su diversi piani (dalla salute psicofisica delle persone allo sfruttamento indiscriminato dell’ambiente, dalla conflittualità relazionale ad uno sfrenato egocentrismo, dalla finanza tossica alla cultura del superfluo), sia arrivato il momento di tirare le somme per comprendere quali aspetti del nostro vivere quotidiano debbano essere necessariamente rivisti se vogliamo liberarci da questo dilagante disagio, oggi evidente anche ai meno accorti.

Esiste una visione dell’uomo e dell’universo che permette il riequilibrio di tutti gli ambiti della nostra vita, una visione olistica in cui le parti e il tutto si influenzano vicendevolmente coesistendo in un rapporto armonico e di reciproco sostengo.  “Anna prasanna” affermano i saggi della cultura antico indiana: tutto e cibo, tutto concorre alla formazione  della nostra persona e il tipo di alimentazione che scegliamo di adottare gioca in questo processo un ruolo determinante.

Programma del Convegno

 – VegPyramid, la dieta vegetariana per grandi e piccini.
Dott.ssa Luciana Baroni
(Presidente della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana)

Le nuove frontiere della cucina vegetariana: nutrire il corpo e la mente con gusto.
Chef Simone Salvini
(Cofondatore della Organic Academy, collabora con la Fondazione Umberto Veronesi e scrive articoli sulla rivista Cucina Naturale)

Percorsi concreti per un’alimentazione non violenta.
Dott. Fabio Bertapelle
(Agronomo, saggista e responsabile di un centro di studio e documentazione su agricoltura e alimentazione)

Moderatore del Convegno
Dr. Fabio Manfredi
(Counselor e Insegnante di psicologia e teologia indovedica presso l’Accademia di Scienze Tradizionali dell’India del Centro Studi Bhaktivedanta)

Cena vegana al Bacaro Veneto

Dopo il convegno segue presso la sede del Bacaro Veneto (Piazza Ferretto 59/A, Mestre) una cena vegana cucinata dallo Chef Simone Salvini. Prenotazione obbligatoria entro mercoledì 11 aprile.

Per informazioni:
041-961532     333-6003503/327 8634415
bacaro@bacaroveneto.it

http://www.bacaroveneto.it/
http://www.c-s-b.org/
http://www.scienzavegetariana.it/
http://www.organicacademy.eu/

Caccia: casse regionali a rischio

CACCIA, CASSE REGIONALI A RISCHIO SECONDO GLI AMBIENTALISTI SU “NEL CUORE” LA CAUSA CHE FA TREMARE LE DOPPIETTE

Potrebbe provocare un terremoto per le casse regionali, se andrà in porto, l’iniziativa di un gruppo di proprietari di fondi rustici che si rivolgeranno al Tribunale ordinario di Milano per vedersi riconosciuti gli indennizzi dovuti a chi sopporta sul proprio terreno, in forza dell’art.842 del Codice civile, l’onere della caccia.

Alla vicenda è dedicato oggi il servizio di apertura di “Nel cuore”, il giornale online della Federazione Associazioni Diritti Animali e Ambiente (http://www.nelcuore.org/) che evidenzia le anomalie del nostro ordinamento venatorio anche attraverso un editoriale di Fulco Pratesi. “Si tratta – scrive il presidente onorario del WWF Italia, a proposito dell’art.842 – di una norma, inserita nel 1942 per stimolare la preparazione guerresca degli italiani, la quale consente, ai soli cacciatori, (e non ai pescatori, naturalisti, escursionisti, pittori, fotografi, balie ecc.) di penetrare armati nei terreni altrui senza chiedere permesso ai proprietari e ai conduttori del fondo.

In tutto il pianeta (e anche in Francia, paese che se la batte con noi per l’invadenza e la pressione del mondo venatorio) non esiste tale incostituzionale e vergognosa norma. Questa –aggiunge – è alla base dell’anarchia e del nomadismo venatorio, dell’invadenza dei fucili nelle colture, nella mancanza di una gestione naturalistica da parte dei proprietari, costretti, anche se amano gli animali, a dover subire l’arroganza di chi imbraccia un’arma”.

Comunicato Stampa
Federazione Italiana Diritti Animali e Ambiente
http://www.nelcuore.org/

 

Il calcio dei latticini non protegge dalle fratture

Lo conferma un nuovo studio relativo alle fratture nelle adolescenti causate dalla pratica sportiva.

Calcio dietetico e latticini non proteggono nei confronti delle fratture da stress, secondo un nuovo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Archives of Pediatrics and Adolescent Medicine. In questo studio sono state seguite per 7 anni 6712 ragazze in età adolescenziale, ed è stato rilevato il loro tipo di dieta, l’attività fisica e la comparsa di fratture da stress, un tipo di frattura che complica solitamente la pratica di sport ad elevato impatto, come la corsa. Il continuo impatto con il terreno causa infatti uno stress meccanico sulle struttura microtrabecolare dell’osso, che a un certo punto cede.

I dati raccolti non evidenziano effetti protettivi sull’osso, con riduzione del rischio di questo tipo di fratture, nelle ragazze con le più elevate assunzioni di latticini e calcio.

Per contro, la vitamina D è risultata in questo studio protettiva, in quanto le ragazze che assumevano più vitamina D avevano un rischio dimezzato, rispetto alla ragazze con le assunzioni più basse.

Ricordiamo che la vitamina D viene prodotta dal nostro corpo semplicemente con l’esposizione ai raggi solari: alla nostra latitudine è sufficiente l’esposizione di volto e le mani, per 20-30 minuti per 2-3 volte alla settimana.

Fonte:

Sonneville KR, Gordon CM, Kocher MS, Pierce LM, Ramappa A, Field AE. Vitamin D, Calcium, and Dairy Intakes and Stress Fractures Among Female Adolescents ., Arch Pediatr Adolesc Med. Published ahead of print March 5, 2012.

http://www.scienzavegetariana.it/