Zyal

Zyal è una piccola lupetta, di taglia un po’ contenuta rispetto al solito, non è alta, è una taglia media.

Non sappiamo perché Zyal sia entrata in canile, aveva solo due anni, era molto giovane, forse era solo una delle tante cucciole non volute, forse si pensava che presto lì avrebbe trovato adozione.

Invece è entrata e per lei è stata la fine, è cresciuta dentro un box, e adesso Zyal è anziana, ha 13 anni. Non è mai uscita dal canile, ma non ha dimenticato che fuori esiste un mondo. E’ il mondo in cui ha visto scomparire tanti suoi compagni di canile, lei li vede, escono dal box, varcano le mura del canile e scompaiono nella vita, in una felicità che per lei è sconosciuta. Lei quelle mura non le ha mai varcate.

Zyal è provata da 11 anni di vita chiusa in un piccolo box di plastica, gelido, però non è malata. E’ una cagnolina molto buona, dolce, quando ci vede arrivare per lei allora si illumina, anche il suo viso bianco e vecchio sembra felice.

Ma se la guardiamo passando, dentro il suo box, Zyal ha un viso che fa compassione, fa stringere il cuore. Il muso è sempre piegato in avanti, in basso, come se non avesse niente davanti a sé da guardare. Gli occhi sono tristissimi, hanno un’espressione perduta, disperata. Aveva avuto una possibilità di adozione sfumata, e poi più nulla.

Lo sappiamo, è difficile fare adottare un cane anziano, tutti vogliono i cuccioli, o, se va bene, i cani di 2, al massimo 3 anni, dopo sono già troppo vecchi. E oltre i 10 anni non li vuole più nessuno, la abbiamo proposta a tutti, e tutti immancabilmente ci rispondono, ma morirà presto, poi soffro troppo, non me la sento.

Ma alla sua di sofferenza, nessuno ci pensa? Lei in 11 anni di canile non ha sofferto abbastanza? Può vivere ancora lunghi anni, anni felici, in una casa, ma non in un canile, non in questo.

E noi, per non soffrire quando morirà, allora la lasciamo lì, è questa la capacità di amare dell’uomo? Noi non vogliamo crederlo, non ci rassegniamo a crederlo.

Anche i cani giovani a volte muoiono, per tanti motivi. E, a volte, i cani anziani rinascono. Ma questo solo grazie all’amore. Guardate il suo muso, i suoi occhi tristissimi, Zyal non ha mai vissuto e conserva nel carattere l’innocenza, la tristezza di un bambino abbandonato.

E’ sterilizzata, vaccinata, molto, molto buona e tenera. E’ brava al guinzaglio, potrà vivere felice sia in una casetta, anche piccola, lei non è grande, che in un giardino, vi aspetterà, vi seguirà gioiosa nelle passeggiate, adora camminare e quella mezz’ora ogni tre settimane in cui può uscire finisce troppo presto, il pavimento del suo box è segnato dal suo andirivieni incessante.

Il suo box è l’ultimo del canile, i visitatori non vengono mai portati fin là. Solo noi potremmo portare qualcuno di voi, con un appello per lei, solo per lei.

Vorremmo che accadesse un miracolo, che voi guardaste queste foto e vedeste una cagnolina bella, giovane, sorridente, e allora chiamereste subito, prima che altri telefonino per portarvela via, e quando verrete e lei si incamminerà con voi, quando sarà nella vostra casa, felice, libera, per la prima volta, allora il miracolo si sarà avverato, la guarderete e davvero lei sarà diventata quella cagnolina giovane e bellissima che per un attimo avete intravisto in foto.

Vi preghiamo fate avverare questo miracolo, venite per questa vecchietta nei cui occhi adesso si legge tutta la tristezza del mondo.

Giorgia 3804138125

Roberta 347 6405781 roberta.pe@tiscali.it

Annunci

2 risposte a “Zyal

  1. rossella pagliano

    AGGIORNAMENTO….:-(

    AIUTO, URGENTE! : LUPA DI 13 ANNI, DOPO 11 ANNI PASSATI IN UN BOX DI CANILE VENERDI’ E’ STATA ADOTTATA. ERA MESSA MALE, STRISCIAVA A TERRA, non si muoveva . Portata in casa, giardino, dorme sul letto, incomincia a scodinzolare, è felice. Ma gli altri due cani non l’accettano, l’attaccano, e l’adottante non se la sente di aspettare. Domani questa anziana lupa viene riportata in canile, nello stesso box. Aiutiamola, non lasciamola lì

    MASSIMA DIFFUSIONE!!! Piacenza 16/04/2012

    E’ la storia di Zyal, questa lupa di 13 anni in canile da 11 anni. Venerdì il miracolo, una casa, un giardino, una famiglia. Finalmente la felicità. Lei è stata bravissima con i gatti di casa, si è sottomessa ai due cani che abitavano già lì, ma a nulla le è valso, la sua bontà non è bastata. Avrebbe fatto di tutto per farsi accettare e ha fatto di tutto, ma invano. Per 4 notti ha dormito su un letto, è stata in una casa, la sua prima in 11 anni! E nel freddo e umido di questi giorni lei per la prima volta era al caldo e all’asciutto. Già in questi 3 giorni sembrava un altro cane, seguiva come un’ombra la padrona, scodinzolava, non strisciava più a terra come un’ombra, il suo viso era volto in alto, a guardare, il suo sguardo sembrava vivo, acceso. Mai i due cani di casa non l’accettano, almeno non subito, tre giorni sono così pochi, l’hanno aggredita. E l’adottante non se la sente di aspettare, di rischiare, domani, dopo 4 giorni di felicità, i primi della sua vita, Zyal verrà riportata in canile.

    Ci si stringe il cuore per la tristezza, cosa possiamo fare? Vi chiediamo aiuto, se qualcuno può l’aiuti, si ritroverà nello stesso box senza sapere cosa è successo, senza sapere perché, e secondo noi senza più nessuna possibilità. Fate che un’altra casa si apra per lei, 11 anni ha trascorso in quel box ed è un cane buonissimo, ormai molto vecchio, sfinito dal canile. Non potrà trascorrervi altri 10 anni, morirà presto. Aiutiamola, le basta un giardino, una casa, il gesto di pietà di qualcuno di noi che torni subito a riprenderla dal canile. Le sembrerà strano, ma se si ritroverà in un’altra casa, la gioia di questi 4 giorni non si spegnerà, forse penserà solo, che strano per tuttta la mia vita nessuno mi ha voluto, e adesso, ben due persone mi vogliono con loro?

    Abbiate pietà di questa lupa sfinita.

    Roberta 347 6405781

  2. rossella pagliano

    ADOTTATA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    ROSSELLA