Consumo di carne ed evoluzione

Il consumo di carne non e’ certo quello che ha determinato l’evoluzione umana.

Riportiamo la lettera scritta pochi giorni fa dal prof. Siani alla redazione de L’Unità come risposta a un articolo scientificamente ben poco fondato, pubblicato il 3 maggio sullo stesso giornale a firma Fabio Perelli.

Egregio Dott. Perelli,

Leggiamo su L’Unità, più precisamente sullo spazio riservato alla Scienza nell’edizione per il web, un breve articolo dal titolo “Il successo evolutivo dei carnivori”, recensione del lavoro “Impact of Carnivory on Human Development and Evolution Revealed by a New Unifying Model of Weaningin Mammals”, pubblicato il 18 aprile 2012 sulla rivista scientifica Plos one, a firma di Elia Psouni, Axel Janke e Martin Garwicz.

Vi si afferma che, secondo lo studio suddetto, “Il successo evolutivo e il forte sviluppo demografico della nostra specie sono legati all’acquisizione della dieta carnivora. I vegetariani storceranno il naso, ma se vi trovate a leggere queste righe e a riflettere su quanto c’è scritto è probabilmente merito anche dei benefici dell’assunzione di proteine animali”. Conclusioni di imprudente assertività, dal momento che gli stessi autori nel loro paper affermano testualmente che “However, the specific impact of carnivory on human evolution, life history and development remains controversial”. [Tuttavia, l’impatto specifico del carnivorismo sull’evoluzione umana, sulla storia della vita e sullo sviluppo rimane controverso].

Sappiamo bene che i nostri predecessori si nutrivano anche di cibi animali rappresentati, nel caso di Homo habilis, da insetti e invertebrati casualmente presenti su rami, fiori, frutta e semi che costituivano la quasi totalità della sua dieta; successivamente i rappresentanti del genere Homo cominciarono ad approfittare delle carcasse abbandonate sul terreno dai predatori: in tali contesti, comunque, i consumi carnei erano rari, casuali, occasionali e discontinui e non potevano in nessun caso costituire una fonte di nutrienti capace di incidere in modo tale da indirizzare la nostra evoluzione. Con lo sviluppo dell’attività di caccia, la disponibilità di risorse alimentari di natura animale andò, ovviamente, crescendo; tuttavia i cibi vegetali rimasero la base fondamentale della dieta degli appartenenti al genere Homo.

Relativamente al successo evolutivo della nostra specie e alle acquisizioni delle capacità cognitive per cui ci è consentito “leggere queste righe e riflettere su quanto è scritto” vi è un generale consenso fra gli esperti sul fatto che la nostra evoluzione dipenda da fattori molto numerosi e di natura varia, ciascuno dei quali rappresentò una parte del contesto ambientale in cui i nostri predecessori subirono le pressioni della selezione naturale. Fra queste forze possiamo enumerare i caratteri fisici dell’ambiente, il clima, la vegetazione, la disponibilità di risorse edibili, la presenza di altre specie animali, la competizione per territorio e cibo e, per l’uomo, la stazione eretta e la conseguente libertà degli arti superiori, le specificità della sua fisiologia che hanno permesso o meno l’accesso ai cibi, la struttura sociale, i caratteri anatomo-funzionali del cervello, le acquisizioni culturali e così via. In ultima analisi, è il contesto adattativo che indirizza l’evoluzione.

La disponibilità di proteine animali permise un più breve periodo di allattamento e un tasso di riproduzione più elevato? Sicuramente un’adeguata disponibilità di cibo consente un maggior successo riproduttivo, ma non vale solo per la carne e indicare in questa il cibo capace di indurre modificazioni qualitative tali da indirizzare lo sviluppo delle capacità cognitive è una pura ipotesi priva di qualsiasi sostegno scientificamente valido. In molti studi, il disegno generale e la scelta delle variabili cimentate portano a risultati che inducono certi giudizi piuttosto che altri. In nutrizione, il principio generale scientificamente inattaccabile è il seguente: per vivere, crescere, riprodurci abbiamo delle necessità nutrizionali dipendenti in quantità e qualità prima di tutto dalla specie cui apparteniamo e, in seconda battuta, dalle nostre dimensioni, dallo stile di vita adottato e dall’ambiente in cui ci troviamo a operare; tali necessità nutrizionali le assumiamo dai cibi che consumiamo.

Il successo evolutivo della nostra specie sta, oggi, nel possedere il bagaglio culturale che ci consente di decidere, per scienza e coscenza (come noi medici siamo soliti dire) con quali cibi coprire le esigenze del sostentamento: lo possiamo fare esclusivamente con vegetali, aggiungere a questi prodotti animali (latte, uova e derivati) o decidere di accostarvi consumi carnei. Le capacità cognitive sviluppate nell’ambiente in cui è avvenuta la nostra evoluzione ci indicano le necessità nutrizionali e le fonti dalle quali derivarle; ci consentono di affermare che troviamo proteine in cereali e legumi oltre che nelle carni; che vi sono acidi grassi omega-3 nei pesci ma anche nelle noci. E conosciamo, anche, quanto le nostre scelte possano influire sugli ecosistemi e sulla crisi ambientale che stiamo attraversando.

Cordiali saluti, Vincenzino Siani

Dott. Vincenzino Siani
Laureato in Medicina e Chirurgia e in Scienze Naturali
Docente in Ecologia della Nutrizione
Laurea Specialistica in Scienze della Nutrizione Umana
Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
Presidente della Società Italiana di Nutrizione Vegetariana-SINVE
———
http://www.scienzavegetariana.it

Annunci

I commenti sono chiusi.