4.000 scimmie salvate dalla vivisezione

Revocato il permesso di cattura a un vivisettore colombiano.

Riportiamo questa bella notizia giuntaci dall’associazione Animal Defenders International, invitando anche a guardare questo video della loro investigazione sulla tratta dei primati per la vivisezione, in modo da comprendere ancora meglio da che cosa queste 4.000 scimmie sono state salvate.

4.000 scimmie salvate grazie alla revoca del permesso di cattura a un vivisettore colombiano

Video Salviamo le scimmie dalla vivisezione Il VIDEO

Vittoria: il Tribunale Amministrativo di Cundinamarca, Colombia, ha revocato a Manuel Elkin Patarroyo i permessi per la cattura di migliaia di scimmie per esperimenti sulla malaria. Il permesso avrebbe consentito a Patarroyo di catturare 4000 scimmie selvatiche fino al 2015, da utilizzare in esperimenti presso l’Istituto di Immunologia della Colombia.

Gli investigatori sotto copertura di Animal Defenders International – ADI hanno filmato le operazioni di cattura in Amazzonia, compresa la caccia notturna alle scimmie da parte degli addetti alla cattura: reti stese sugli alberi, le piccole scimmie intrappolate, senza possibilità di fuga, strappate alla loro casa, terrorizzate e urlanti, chiuse a forza nei sacchi. Sono state fatte anche riprese all’interno dell’istituto di immunologia, dove le scimmie sono tenute in gabbie metalliche piccole e spoglie, un contrasto shockante con la foresta in cui sono nate.

Le ricerche di Patarroyo erano in contrasto con le norme CITES sugli animali selvatici e il Ministero dell’Ambiente è stato criticato per non aver svolto alcun controllo sulla caccia alle scimmie e il loro successivo uso nella sperimentazione.

Le anomalie nei permessi di Patarroyo risalgono addirittura al 1984: tra di esse troviamo irregolarità nel rilascio dei permessi, non rispetto delle norme e dei divieti della legge colombiana sull’utilizzo delle risorse.

In seguito a questo, il Tribunale, cui ADI ha fornito le prove delle illegalità, ha disposto delle azioni disciplinari contro alcuni funzionari del Ministero dell’Ambiente. Anche l’Istituto di Immunologia e la Corporazione per lo Sviluppo Sostenibile dell’Amazzonia Meridionale (Corpoamazonia) sono stati sanzionati.

Siamo felici che questa orrenda sofferenza di migliaia di scimmie e la potenziale devastazione delle popolazioni selvatiche sia stata impedita e speriamo che il prossimo passo sia l’eliminazione di questi crudeli e inutili esperimenti una volta per tutte.

Fonte:
Animal Defenders International, 4,000 wild monkeys saved from laboratory experiments, 6 luglio 2012
———-
http://www.agireora.org/info/news_dett.php?id=1304

Annunci

I commenti sono chiusi.