Ecovillaggio – Ripopolare Sadali, in Sardegna

Siamo una giovane coppia e ci rivolgiamo a chi ha intenzione di trasferirsi in Sardegna oltre che ai sardi decisi a vivere in campagna.

Sadali è un paesino meraviglioso di montagna, una autentica oasi naturalistica, ma purtroppo in via di spopolamento. È importante farla rinascere.

Il comune incentiva chi sposta residenza o mette famiglia offrendo in buoni 200 euro spendibili in cibo, legna e quant’altro occorra. L’idea è unire un gruppo, conoscerci nei primi 2 anni comodamente affittando una ampia e riscaldata casa in paese, che si aggira intorno ai 150, 200 euro al mese. In questi due anni chi si trasferisce farà anche uso dei buoni validi appunto per due anni. In questo tempo avremo modo di organizzare un ecovillaggio nella forma che più ci piace venendo incontro alle nostre esigenze. Potremo valutare se restare in quella zona oppure spostarci.

La terra può essere acquistata a prezzi molto bassi (per dire, ci avevano detto che vicino al lago, fra le valli, ovviamente dove non c’è corrente e non arriva l’acqua e in tal caso un pozzo risolve il problema, oltre che le piogge invernali non mancano, vendevano ettari a 2, 3000 euro l’uno.) Questi due anni in affitto sarebbero quindi utilissimi per confrontarci e far strada ad un progetto comune, all’acquisto di terra e alla costruzione di case in materiali naturali, energia solare ecc. Attualmente vi sono due coppie di amici che già si sono trasferiti e noi due ci muoveremo entro questi mesi. Gli amici hanno già avviato orti in una ampia zona di terra generosamente prestata da contadini locali. La Sardegna è un luogo vitale dove vivere se si ha il coraggio di aprirsi e condividere.

Attualmente vi sono molte realtà simili ad ecovillaggi, ma pur conoscendosi tutti, pare carente lo spirito organizzativo, eppure tutto cambia e l’energia di questa terra può aiutarci. E noi restituire a questa terra la dignità che merita.

Ecco ora un idea dei nostri presupposti:

Vorremmo ritrovare il contatto col mondo vivente, al di fuori di un contesto urbano, essere in gran parte autonomi per approvvigionamento acqua, cibo, oggetti utili, abitazioni-rifugi e impatto ecologico al minimo. Se ci fosse un bel gruppo di bambini si potrebbe gestire una scuola famigliare. Attualmente a Sadali c’è un unica scuola. Molte attività sono le benvenute laddove mancano.

Benvenute sono le terapie olistiche e alternative di vari generi purchè non a scopo di lucro. Un potenziale di guadagno potrebbe attuarsi attraverso bed and breakfast, vendite di prodotti locali, teatro, arte e seminari. La terra ci donerà quanto necessario per il sostentamento fisico e spirituale. Attraverso la rete dei seed-savers molte varietà antiche di semi possono essere protette e reintrodotte.

Ci interessa non puntare sullo sfruttamento di animali né piante, piuttosto agevolare il ripristino di ecosistemi prediligendo una fauna antropica (animali che possano integrarsi autonomamente) ovviamente senza alcuna forma di fanatismo. Piante e animali forniranno spontaneamente combustibile, concime, lavoreranno il terreno, controllando insetti nocivi e infestanti, permetteranno il riciclo delle sostanze nutritive, l’arricchimento dell’habitat, l’aerazione del suolo, la prevenzione degli incendi e dell’erosione e così via.

Per noi piante, animali e uomini sono considerati al pari valore, senza discriminazioni di nessun tipo. Rispettiamo la vita armonica circostante. Uno stile di vita semplice, libero dai molti stimoli sensoriali che ci disorientano nella realtà civilizzata, non può che far bene, senza dover rinunciare all’abbondanza e alla comodità.

Contatti:
Andrea: coraggiodiessere@libero.it – 3881647417
Elena: cannellaelena@yahoo.it – 3409882229

p.s. A 12 km circa da Sadali vengono venduti 110 ettari comprensivi di 250mq di casale per agriturismo e 250mq di stalla, di cui una zona adiacente al lago artificiale flumendosa e di cui 5 ettari a bosco, per circa 650 mila euro. Il terreno è molto fertile e l’altitudine è inferiore lievemente a quella del paese. La cifra è molto alta e pare non possa essere venduta solo parte del terreno ma su questo si dovrebbe necessariamente riparlarne. Per spendere ad es. 15 mila euro a testa occorrono più di 40 famiglie/persone ed è improponibile trovare così tanta gente. Ad ogni modo ecco il link dove potete vedere immagini: http://www.immobiliare.it/terreni/33477769-terreno-agricolo-Sadali.html

Fonte:
http://blog.libero.it/ripopolasadali/view.php?reset=1&id=ripopolasadali

Annunci

2 risposte a “Ecovillaggio – Ripopolare Sadali, in Sardegna

  1. E’ interessantissimo!! Però io ancora sto studiando e non posso spostarmi, però è proprio il mio ideale di vita!!

  2. Rossella janis Pittalis

    A me interessa molto.. sono per meta’ Sarda , vivo attualmente in provincia di torino in un paesino.. ma l’idea di un Ecovillaggio mi interessa molto.. vi contatto per via email cosi mi date delle dritte su come raggiungervi.. w la Sardegna