Archivi del mese: dicembre 2012

Buon Anno!!

Tanti auguri sinceri a tutti voi, sperando davvero che il 2013 sia un anno pieno di Amore per tutti, che sia un anno di cambiamento !

buon anno

Con l’augurio che arrivi presto quel giorno in cui ogni essere senziente abbia gli stessi diritti.

Buon Anno ai compagni di lotta!
Buon Anno ai compagni di vita!
Buon Anno a chi condivide con me un sogno!
Buon Anno a chi fa la sua parte per realizzare questo sogno!
Buon Anno a chi da la sua voce per chi voce non ha !
Buon Anno a tutti gli Amici veg
Buon Anno a quella persona speciale, solo tu sai che sei tu♥
Buon Anno a tutti gli onnivori, spero in una presa di coscienza, lo spero per voi e per gli animali !!!
Buon Anno a te che stai leggendo proprio adesso, che aspetti a regalarmi un abbraccio ???
Speriamo che sia davvero buono questo 2013 !!!

Fonte:
http://www.facebook.com/photo.php?fbid=10151390884100086&set=a.78493405085.112696.579205085&type=1&theater&notif_t=like

Annunci

Presidio contro il circo con animali “Romina Orfei” a Modena

Modena Via Divisione Aqui, sabato 5 e domenica 6 gennaio 2013, alle ore 15.30

manifesto-prigioniero-circo

Il presidio si terrà con chi vuol partecipare (più siamo meglio è!) davanti all’ingresso del circo.

Vogliamo urlare “Basta allo sfruttamento di animali a scopo di intrattenimento!
Basta alla loro prigionia!
Basta alle torture ed alle umiliazioni che devono subire ogni giorno nell’addestramento e durante gli spettacoli!”

Perciò ci troveremo davanti all’ingresso del circo sia il 5 sia il 6 gennaio 2013 alle ore 15.30 con cartelli, maschere e tutto ciò che è possibile usare per esprimere tutto il nostro dissenso verso questo tipo di spettacoli!

Se avete cartelli ed altri materiali portateli con voi.

LOCANDINA

Importante:

E’ importante sapere in quanti saremo, per questo motivo, si prega di informare della partecipazione tramite la pagina di Facebook:
http://www.facebook.com/daria.mazzali#!/events/514246591942435/?notif_t=plan_user_invited

o tramite email all’indirizzo:
goodbearblind@gmail.com

L’antispecismo tra filosofia e psicologia

Sabato 12 gennaio 2013 Dalle 16.00 alle 19.00  –  Parte in Causa – Associazione Radicale Antispecista, in collaborazione con l’Associazione Enzo Tortora – Radicali Milano

untitled

presenta un incontro sul tema   “ESSERE ANIMALI: L’ANTISPECISMO TRA FILOSOFIA E PSICOLOGIA”

Apertura dei lavori Lorenzo Lipparini, Associazione Enzo Tortora – Radicali Milano

Relatori

Leonardo Caffo, Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione, Università degli Studi di Torino

Annamaria Manzoni, Psicologa e Psicoterapeuta, membro del Consiglio Direttivo del Movimento Antispecista

Moderatrice:
Maria Giovanna Devetag, segretaria di Parte in Causa

Seguirà presentazione della rivista Animal Studies: Rivista Italiana di Antispecismo (edizioni Novalogos)

Presso:
Associazione Enzo Tortora – Radicali Milano, Via Malachia Marchesi de Taddei, 10 ore 16.00   Ingresso libero.

Per informazioni:
http://www.facebook.com/ParteInCausaAssociazioneRadicaleAntispecista
http://www.radicalimilano.it/

E’ fatta: Ippoasi ha una nuova casa

Da molto tempo volevamo annunciare questa notizia tanto sofferta: Ippoasi ce l’ha (quasi)  fatta! Gli animali ospiti del rifugio hanno ufficialmente da oggi un nuovo posto dove poter continuare a vivere serenamente per tutti i loro giorni.

Ippoasi

É da un anno ormai che eravamo alla ricerca di una soluzione a quello che sembrava  diventare sempre più un problema insormontabile: lo sfratto.  Un progetto che ha rischiato di arenarsi perché non si riusciva a trovare una nuova  localizzazione dove poter continuare a praticare quello che viene definito un “laboratorio  di interazione tra animali umani e non umani”.

Perché è proprio questo che stiamo sviluppando alla Fattoria della Pace Ippoasi ONLUS.  Pensiamo che il rapporto tra noi animali umani e gli altri animali possa essere  interpretato sotto un’altra ottica a beneficio di tutte le parti coinvolte.  Una relazione fondata sul rispetto reciproco, sulla nonviolenza e sul desiderio di  contribuire insieme a tante altre persone alla realizzazione di un mondo migliore.

Ed è proprio dalla falla di questo momento di stanchezza e disorientamento generale che  vogliamo ripartire.  Proviamo a cercare alternative più sostenibili, più etiche e più pacifiche. Alcune persone  lavorano sul piano delle energie alternative, altri su quello della finanza etica, del  consumo critico, del diritto al lavoro, dell’ambiente, della salute… Noi vorremmo  approfondire e proporre soluzioni migliori nel campo della relazione tra specie animali  diverse (umani e non).

Tra tutte le possibili soluzioni ricercate in questo periodo alla fine si è concretizzata  quella profilata sin dall’inizio: grazie al Parco Regionale di Migliarino – San Rossore –  Massaciuccoli è stata infatti messa a disposizione di Ippoasi un’interessante area in  località San Piero a Grado (PI) già in parte destinata per finalità didattiche. Il nostro  rifugio andrà così a completare un’importantissima attività di educazione ambientale  svolta attraverso un bel percorso attrezzato in una parte boschiva di quest’area protetta.

Questo percorso nel mondo selvatico verrà così presto affiancato con una parte più  domestica ma che non ha dimenticato i profondi legami con la natura libera.

Appena terminato il trasloco e risistemate le strutture essenziali, ricominceranno a pieno  ritmo le visite e le altre attività, prendendoci a cuore anche quest’altro piccolo pezzo di  pianeta, dove ognuno potrà raccogliere i semi che tutti insieme cercheremo di offrire.  Continueremo a far conoscere gli animali domestici attraverso il rispetto delle loro  necessità fisiche ed emotive e della loro libertà di espressione.

Chiunque condivida questi semplici principi sarà il benvenuto: scuole, famiglie,  partecipanti dei campi estivi, singoli o gruppi.  Oltre all’impegno didattico e divulgativo continuerà come sempre anche quello sociale  rivolto soprattutto a persone appartenenti a fasce variamente svantaggiate (persone con  un trascorso di dipendenza, persone diversamente abili, persone private  temporaneamente della libertà, ecc.). Con le opportune modalità, si potranno affiancare i  volontari nel lavoro quotidiano, sperimentando una nuova relazione libera da giudizi e  pregiudizi, nel rispetto reciproco delle diversità e dell’alterità.

Dopo molto lavoro e tanti chilometri macinati in un viaggio spesso difficile ostacolato dal  tempo che avanzava inesorabile, il sogno finalmente continua!  È stato davvero faticoso gestire le forti emozioni e mantenere la doverosa calma per  riuscire ad affrontare ogni insidia. Tutto questo è stato possibile anche grazie a  moltissima gente che ha sempre creduto nel progetto e nelle sue finalità, sostenendolo  sia moralmente che materialmente. Sono proprio tutte queste persone che sentiamo il  dovere di ringraziare profondamente per tutto quello che hanno fatto e che faranno.

Alla costruzione della nuova Ippoasi partecipano amici da tutta Italia e questo ci da molta  forza.  In occasione del trasloco abbiamo indetto due giornate di volontariato allo scopo di far  partecipare nel concreto – attraverso questi momenti di condivisione – al miracolo in  corso!

Domenica 30 dicembre e domenica 6 gennaio

Siete tutti invitati a prendere parte ai lavori!

In conclusione, non possiamo trascurare di ricordare la fondamentale campagna di  raccolta fondi lanciata attraverso il sito:
http://www.buonacausa.org/ippoasi
http://www.buonacausa.org/user/info/2099

I fondi serviranno per coprire le spese dei materiali necessari per la nuova struttura che si aggirano attorno ai 15.000 euro e che abbiamo urgenza di reperire nel più breve tempo  possibile.

Grazie a tutti di cuore augurandoci di vederci numerosi all’inaugurazione della nuova  Ippoasi che contiamo di comunicarvi al più presto.

Gli ippoasiani
Fattoria della Pace IPPOASI Onlus
info@ippoasi.org
www.ippoasi.org
Tel. 389 7629476

COMUNICATO STAMPA
Marina di Pisa, 28.12.2012

Vegan take away per San Silvestro!

“Ordina la tua Cena di fine anno a CàShin, al resto pensiamo noi… il nostro team vegano preparerà la cena, noi la confezioniamo e tu passerai a ritirarla.

cassettine

Nella cassetta troverai tutte le indicazioni per servirla al meglio, insieme ad una ricetta-sorpresa in regalo per te!

cassettine2

Riceviamo le prenotazioni fino alla mattina del 30 dicembre e la consegna avverrà a partire dalle 15 del 31 dicembre.

Nelle prenotazioni ricordati di indicare se ci sono intolleranze alle mandorle, alle arachidi ed eventualmente al grano.”

Parco Cavaioni Bologna via Cavaioni, 1

cashin

Cordiali saluti,

Alessandra Pergreffi
per Ca’ Shin
051 589419
www.ca-shin.com
mob. +39 346 8046907

Finger food: ricette e allestimento

Tante idee per preparare uno gustoso buffet di piatti freddi, tutto 100% vegetale.

h

Ostia Antica (Roma) 03 febbraio 2013 Ore: 15.00, presso c/o Roman Country Residence, Largo Pasquale Testini 13

Il finger food è, letteralmente, il cibo che “si mangia con le mani”. Quindi tramezzini, tartine, ma anche torte salate a fette, involtini, spiedini e molto altro. Tutti piatti comodi da usare per buffet in piedi, feste, ecc.

Idea regalo: puoi effettuare l’iscrizione e il pagamento a tuo nome e poi comunicarci via mail il nome della persona cui intendi regalare il corso. Ti invieremo un “buono regalo” via mail che potrai stampare e offrire come regalo alla persona scelta.

Durante il corso si parlerà di:

Descrizione del concetto di finger food in cucina
Organizzazione di un buffet
Allestimento dei tavoli
Preparazione delle pietanze
Disposizione delle pietanze
Presentazione delle pietanze

I partecipanti assisteranno alla preparazione e spiegazione delle ricette e porre domande e chiedere chiariment; durante il corso ci saranno varie pause per gustare i piatti preparati.

L’evento è organizzato da AgireOra Edizioni: tutto il ricavato, al netto del costo di noleggio della sala e degli ingredienti, andrà a sostenere le campagne informative sulla scelta vegan di AgireOra.

PROGRAMMA

15.00 – 15.15 arrivo dei partecipanti

15.15 – 20.15 Dimostrazione pratica delle ricette: verranno mostrati e spiegati tutti i passaggi per preparare i seguenti piatti (gli iscritti potranno vedere da vicino tutte le fasi delle ricette preparate dallo chef e chiedere chiarimenti in ogni momento).

MENU

Tartine al paté vegetale
Barchette di patata con pomodoro
Mini -tramezzini con salsa rosa e battuto di lattuga

Pausa degustazione.

Crostini con maionese e verdure aromatizzate
Funghetti ripieni
Fettine di strudel di verdure

Pausa degustazione.

Bocconcini di cous cous aromatizzato
Sfilacce fritte di carota all’aceto balsamico

Pausa degustazione.

Relatore: Riccardo Gessa
chef vegan Riccardo è uno chef professionista vegan che lavora da anni presso ristoranti e come chef a domicilio, sia in Italia che in Francia, oltre che nella ristorazione per convention presso diverse strutture ricettive. Organizza lezioni di cucina vegan nel corso di eventi per la diffusione del veganismo presso associazioni culturali della provincia di Roma. Ha tenuto corsi di cucina vegan a chef e cuochi in varie strutture alberghiere.
Il suo sito di chef a domicilio:
www.vegappetit.it

La partecipazione al corso dà diritto a:
– ricevere il materiale informativo di AgireOra Edizioni;
– ricevere un attestato di partecipazione via mail;
– ricevere le dispense con tutte le ricette spiegate.

Il corso è a numero chiuso:
raggiunto il numero massimo di partecipanti verranno chiuse le iscrizioni.

Info e iscrizioni alla pagina:
http://www.agireoraedizioni.org/corsi-cucina-vegan/finger-food-ricette-allestimento/

Link – Italia SIC Società Italiana di Criminologia, 2012.

Abusi su animali e abusi su umani. Complici nel crimine

Link

Sono lieta di annunciarvi che è ufficiale la pubblicazione scientifica dei primi dati raccolti in Italia sul fenomeno LINK tramite la prima applicazione in ambito criminologico della PCA (Principal Component Analysis – strumento di Analisi Statistica Multivariata).

Un evento scientifico e storico molto importante nel riconoscimento culturale ed istituzionale italiano delle implicazioni sociali della crudeltà su animali :

. crudeltà su animali sintomo di una situazione patogena che caratterizza colui che incrudelisce
. crudeltà su animali come indicatore privilegiato di pericolosità sociale
. correlazione fra crudeltà su animali e crimine (in particolare il crimine violento).

Ed un evento storico-scientifico che segna il primo passo verso l’utilizzo di metodi di Analisi Statistica Multivariata in ambito criminologico. I dati attualmente in tal senso sono in presentazione alla comunità scientifica internazionale.
Francesca Sorcinelli
www.link-italia.net

——-

Nella letteratura scientifica, soprattutto statunitense, è in corso dagli anni 60 in poi un nutrito dibattito sulla relazione tra la crudeltà su animali e la violenza interpersonale. Nato nel 2009 un progetto italiano, LINK-ITALIA, ha creato e svolto una ricerca su tale relazione per poter fornire un primo stato dell’arte a livello nazionale. Un team multidisciplinare ha analizzato 278 casi in cui a uno o più maltrattamenti su animali sono seguiti reati contro la persona. Gli abusatori sono risultati maschi nel 93% dei casi, di cui il 17% bambini o adolescenti. Le vittime sono risultate: donne nel 54% dei casi, bambini 24%, anziani 3%, uomini 5%, vittime miste 14%. Nel 61% dei casi la vittima donna ha evitato o rallentato l’allontanamento dall’abusatore per paura di quello che sarebbe successo ai propri animali. Nel 19% dei casi la vittima umana è deceduta. Le principali tipologie di abuso collegato sia a vittime animali che a vittime umane sono risultate essere: violenza domestica, violenza sessuale, stalking, bullismo e reati collegati alla malavita organizzata.

Data la maggiore diffusione percentuale di pet, il maltrattamento su animali in Italia può avere collegamenti con abusi su umani e un potenziale effetto preventivo di tali abusi in misura probabilmente maggiore rispetto agli Stati Uniti. Tali risultati vengono confermati dalla parallela prima applicazione di metodi di analisi statistica multivariata, analisi PCA, in ambito criminologico italiano.

L’applicazione di metodi di statistica multivariata può aggiungersi alla statistica tradizionale usata in ambito criminologico fornendo spunti e idee agli operatori nell’ambito della violenza interpersonale non evidenziabili tramite l’analisi di una variabile alla volta. A seguito dei risultati ottenuti, per una raccolta dati più completa e approfondita, sono stati attivati protocolli di intesa e collaborazione con unità di polizia giudiziaria, associazioni di avvocati, comunità di assistenza vittime, scuole, carceri, associazioni. Sono stati creati e resi operativi due rifugi in grado di ospitare animali vittime o di vittime di violenza domestica e un rifugio in grado di ospitare vittime umane con i loro animali.

“Abusi su Animali e Abusi su Umani: Complici nel Crimine” http://www.rassegnaitalianadicriminologia.it/it/home/item/193-abusi-su-animali-e-abusi-su-umani-complici-nel-crimine

F.Sorcinelli, A.Manganaro, M.Tettamanti, Rassegna Italiana di Criminologia – SIC Società Italiana di Criminologia, 2012.

——

“Molta crudeltà agita su animali è una questione di potere e controllo che si origina spesso da un’ ingiustizia subita o percepita tale. Il soggetto si sente impotente e sviluppa una devianza sulla percezione del sé, arrivando a sentirsi forte solo se in grado di dominare una persona o un animale”
Randall Lockood
“La scoperta di un link fra crudeltà su animali nell’infanzia e successiva crudeltà su esseri umani in età adulta è un importante indicatore predittivo di pericolo per le forze dell’ordine. Ciò suggerisce che le ricerche future siano condotte considerando questo legame”
Jeremy Wright e Christofer Hensley